DRAVYA GUNA

Lo studio delle piante

  • Home
  • DIARIO
  • DRAVYA GUNA
dravya-guna-dettaglio.jpg

La terapia ayurvedica è basata sul Dravya (sostanze mediche, erbe, minerali). Nelle piante, oltre al principio attivo vi è una componente di tipo energetico. Questo è dimostrato dal fatto che se noi mettiamo 20 piante insieme per la farmacologia non vi è sufficiente quantità di principio attivo in ogni pianta per poter svolgere un'attività terapeutica vera, mentre certe combinazioni pur avendo queste carateristiche funzionano.

L'ayurveda è una scienza che non si basa su concetti fumosi ma è verificabile e scientifica. Il nostro sistema sicentifico dà delle certezze ma talvolta dopo due, tre o cinque anni vengono smentite.

Ma veniamo più nel dettaglio questa scienza.

DRAVYA siginifica MATERIA

GUNA siginifica QUALITÀ

Dravya Guna è in realtà un'abbreviazione, il nome completo è DRAVYA GUNA SHASTRA oppure DRAVYA GUNA VIJNANA (quest'ultima parola significa CONOSCENZA). La definizione corretta è dunque LA CONOSCENZA DELLE QUALITÀ DELLA MATERIA

Il Dravya Guna si occupa delle qualità della materia intesa come piante medicinali ma anche della materia in generale includendo quindi gli alimenti e tutto quello che ci interessa per mantenere o per migliorare la nostra salute. Nel Dravya Guna c'è anche u na branca denominata RASA SASTRA  che è lo studio delle sostanze minerali e metalliche. E' una scienza di una raffinatezza incredibile che viene usata tradizionalmente in ayurveda in abbinamento alle piante medicinali.

Come vengono classificate le piante?  Fondamentalmente in base a due concetti:

RASA il sapore

VIRYA la potenza

Analizziamo in questo approfondimento soprattutto il VIRYA.

1. PIANTE RINFRESCANTI (SITA DRAVYA) alcuni esempi:

sandalo, sandalo rosso, vetiver, liquirizia, cassia fistula, shatavari (asparagus racemosus)

2. PIANTE RISCALDANTI (USNA DRAVYA) alcuni esempi:

curcuma, aglio, pepe, peperoncino, zenzero, citraka ( plumbago zeylanica)

 

 

Condividi